Da ormai oltre un decennio si parla dei Binder, che aiutano a comprimere il petto di ragazzi Ftm e Non Binary. Non tutti, però, usano il binder. Alcuni ragazzi T e alcune persone enby preferiscono il Tape: scopriamo perché.

Tape petto: cos’è e come funziona

Il Tape al Petto è un nastro robusto che va posizionato portando i due capezzoli verso i lati del corpo. Si tratta di uno strumento molto efficace per chi ha una taglia modesta, direi fino alla terza.

Come appiattire il seno senza binder

Se non si vuole portare il binder, scomodo in viaggi, o manifestazioni, partire con un nastro in valigia è ideale. Il tape occupa poco spazio, ma si deve saper mettere.

Cos’è un binder

Abbiamo parlato di Binder, ma è meglio spiegare cos’è. Si tratta di una canotta comprimente, grande quanto una canottiera o come un top, che si indossa come una maglietta, o in alcuni casi ha una cerniera laterale o centrale, o dei gancetti.

Binder LGBT VS Tape: vantaggi e svantaggi

Il Binder ha grandi vantaggi: può contenere un petto abbondante, si lava con facilità, e non inquina: infatti, puoi comprarne due o tre ed usarli per anni. Sono materiali che si asciugano in fretta, se lavati. Il problema è che a volte si restringono, o magari ingrassiamo noi. Il tape risolve questo problema, perché lo si modella di volta in volta. Inoltre, è meno ingombrante da portare con sé. Essendo usa e getta, non è sostenibile, ma non è questo il suo più grande limite: infatti, non contiene i grandi petti. Molti ragazzi ftm lo hanno messo al Pride, per sfilare avendo un petto simile a quello dei ragazzi biologicamente maschi, ma erano persone molto magre. I due strumenti, quindi, sono adatti per cose diverse. Bisogna valutare caso per caso.