Bisessualità femminile: definizione

La bisessualità femminile è un orientamento sessuale in cui una donna si sente attratta sia da altre donne che da uomini, e anche da persone non binarie. Tuttavia, a differenza della bisessualità maschile, la bisessualità femminile è ancora vista come qualcosa di “strano” o “anormale”, quando non con morbosità e prurito, e spesso porta con sé una serie di pregiudizi e stereotipi.

bisessualità femminile 1

Pregiudizi comuni tra bisessualità e omosessualità femminile (nella storia)

Nel mondo occidentale, l’omosessualità femminile è ancora un tabù. La bisessualità femminile, in particolare, viene spesso ignorata o fraintesa. Molte donne che si dichiarano bisessuali sono vittime di pregiudizi e stereotipi. In alcuni casi, queste donne vengono accusate di essere delle sfrontate o delle promiscue. Altre volte, invece, sono etichettate come pazze o malate. La maggior parte delle persone ritiene che l’omosessualità femminile sia una malattia o una deviazione dalla norma. Questo pregiudizio ha radici molto profonde e risale all’antichità. Gli antichi greci e romani consideravano l’omosessualità femminile una perversione della natura.

Bisessualità femminile: la visione dell’uomo etero sulle donne bisessuali

Uno dei più grandi ostacoli alla piena realizzazione della bisessualità femminile è costituito dai pregiudizi. Bisessuale, in un certo ambiente etero becero, è ancora sinonimo di malata, perversa, squilibrata. La donna bisessuale viene vista come un essere deviato, fuori dalle regole sociali e morali. I pregiudizi sono basati su stereotipi che considerano la bisessualità un’anomalia: la donna bisessuale sarebbe incapace di stabilire un legame emotivo stabile con l’altro sesso; avrebbe problemi relazionali e sarebbe portata a tradire il proprio partner; non saprebbe resistere alle tentazioni omosessuali. In realtà, le donne bisessuali sono capacissime di amare e di costruire rapporti solidi, come qualsiasi altra donna.

bisessualità femminile 3

Stereotipi sulla bisessualità e la sua presunta “reversibilità”

Parlare di bisessualità femminile e pregiudizi è come parlare di un argomento controverso. Da una parte, infatti, chi la sostiene afferma che si tratta di una realtà che non può essere messa in discussione; dall’altra, invece, ci sono coloro che la considerano una condizione anormale e patologica. In effetti, bisessualità femminile e pregiudizi sono strettamente legati: molti stereotipi e pregiudizi nascono proprio dalla diffidenza e dal sospetto nei confronti di questa forma di orientamento sessuale. Bisessualità femminile e pregiudizi sono anche collegati all’idea che l’orientamento bisessuale costituisca un pericolo per la società o per l’unità familiare.