Oggi, domenica 7 giugno, nel canale YouTube del Circolo Rizzo Lari (ex Milk), faremo, alle ore 19.00, una diretta a tema “transgender non med“.
Sarò relatore, e avrò l’occasione di parlare dei miei due racconti, che stanno per uscire in una raccolta di autori LGBT, targata “Il Simposio” e a cura della giornalista Erica Gazzoldi. La raccolta uscirà a fine giugno.
Sarò intervistato dalla vicepresidente del Rizzo Lari, Lisa M. Cerrone.

 

Clicca qui per vedere l’evento in differita

 

Nathan due cuori e un'apocalisse zombie

Il miei racconti sono “Due cuori e un’apocalisse zombie” (vero protagonista della Live) e “Fare colazione tra le nuvole”.

“Due cuori ed un’apocalisse zombie” nasce anni fa come sceneggiatura per un fumetto, e “diventa” racconto, molto dialogico, in occasione della quarantena Covid, quando arriva la proposta, di Erica Gazzoldi, di una raccolta di autori LGBT (ne prendono parte, oltre ad Erica, Laura Caruso, Eva Gili Tos, Raffaele Yona Ladu, e Pietro Antonazzi per la grafica).

In “Due cuori…” i progatonisti sono due: un affermato ftm gay e non med, rampante nella professione, ma anche scontroso e misantropo, e un ingenuo “etero” che, per puro caso, rimane “intrappolato” nello stesso palazzo durante un’apocalisse zombie.
Non sappiamo che l’ingegner Ribergomi (l’ftm gay) è un uomo non biologico finchè Ettore (il fattorino “etero”) non lo misgendera. I dialoghi della loro “quarantena” daranno al lettore (una persona lgbt un po’ nerd, o magari un* ragazz* delle superiori, chissà!) tante informazioni sulla condizione non med, ma appronfondiranno anche le storie e le disavventure dei due protagonisti. Tramite un cameo, appaiono tanti personaggi dell’attivismo, come personaggi secondari o persone citate.
Il racconto mescola fantascienza, demenzialità, horror, splatter, cultura nerd, saggistica mascherata da racconto, e romanzo di formazione. Vi divertirete!

“Fare colazione tra le nuvole” (di cui si accennerà appena in questa presentazione) è invece un romanzo di fantascienza/onirico, che parla di un personaggio in un mondo “perfetto” che, ad un certo punto, scopre che qualcosa non va. Ricordi, sogni, si mescolano al suo presente nelle pagine di un diario (che è il racconto stesso). Il finale rivelatore è un momento di riflessione filosofica sulla diversità e sulla normalizzazione. E’ anche un racconto descrittivo e con spunti autobiografici, che rivela anche la formazione (Architettura) dell’autore. Si tratta di un racconto molto diverso dal precedente, scritto precedentemente, ma un fil rouge li lega nell’intenzione, pur essendo il “tone of voice” molto diverso.

L’aspetto fisico, il passing, l’inclusione sociale della diversità, il passato come base per costruire il proprio futuro, sono i temi principali dei due racconti.
Inoltre, la condizione transgender “non med”, ma anche transgender in generale, il non binarismo, gli orientamenti non binari, verranno esplorati nei racconti tramite una trasfigurazione, in modo che il lettore (transgender e non), possa avere spunti di riflessione.

Vi aspettiamo alla diretta delle 19.00, 7 giugno 2020.